sabato 19 novembre 2016

E' TUTTO OK...

Venerdì 18, abbiamo avuto un incontro con i responsabili del settore bonifica del polo chimico dell'ARPA. 

Hanno promesso che ci daranno la documentazione che abbiamo richiesto, cioè i monitoraggi delle acque di falda, dei pozzi barriera e dei pozzi esterni. 
Ci hanno confermato che l'acqua proveniente dai pozzi barriera (oltre 2 milioni di metri cubi all'anno) viene scaricata direttamente in fognatura, e quindi nel depuratore di Olgiate, facendo così collassare da anni il funzionamento del depuratore. 

ma nonostante ciò sostengono che tutto va bene, 

Alla nostra domanda se come ARPA hanno avvisato i comuni limitrofi del crescente avvelenamento delle falde fino a 100 mt di profondità, oltre i pozzi barriera,
falde piene pesantemente oltre i limiti di: 
ammoniaca(superiore 300 volte i limiti di legge già generosi), 
melammina 
così per citarne due......

ci hanno risposto che l 'ASL provinciale si è resa responsabile nel febbraio 2014, in maniera verbale, del controllo delle acque potabili di Legnano.

appena avremo la documentazione completa renderemo pubblico tutto ciò che abbiamo raccolto. 

Per noi c'è un rischio per la salute di tutti gli abitanti della zona.

Ci riuniamo tutti i mercoledì sera per approfondire, discutere le questioni di qui sopra e soprattutto vedere il da farsi.

solo la popolazione può cambiare questa situazione disastrosa! 

mercoledì 16 novembre 2016

BANDO ALLE CIANCE

Da mesi stiamo raccogliendo dati sui monitoraggi delle acque di falda e degli scarichi in fognatura del polo chimico Ex Montedison, naturalmente con ogni sorta di ostacolo burocratico da parte degli enti. 

Siamo arrivati al punto che dovremmo essere noi ad elencare all'ARPA i documenti che ci servirebbero. 

Ma noi vogliamo semplicemente avere accesso ai documenti che loro stessi definiscono pubblici, e che noi non conosciamo. Come facciamo noi a elencarglieli?

E' tutto un gioco per impedire che il cittadino conosca! E intanto i veleni si accumulano...

di fronte all'ennesimo ostacolo frapposto dall'ARPA questa sera terremo la consueta assemblea dalle 21.15 al Circolo Rurale Buon Gesù, via Sempione 58 - Olgiate Olona
per decidere cosa fare. 

invitiamo alla massima partecipazione 

venerdì 14 ottobre 2016

TUTTONATURA OTTOBRE 2016

DOMENICA 16 OTTOBRE 
saremo presenti 
al TUTTONATURA 
a LEGNANO, Piazza Castello 

con il gazebo, con gli striscioni, con i volantini
per coinvolgere e tenere informata la popolazione su quanto sta accadendo sul tema "fiume Olona" e "bonifica del Polo chimico"


Ampliamo il fronte della partecipazione per far sentire la nostra pressione ai politicanti e ai tecnici che decidono sulla nostra pelle, in maniera autorganizzata e fuori dalle logiche di partito!

SCARICHIAMOLI NOI QUESTI AVVELENATORI!


Ogni mercoledì ci ritroviamo al Circolo Rurale Buon Gesù di Olgiate Olona in via Sempione 58 
mail: assembleanoelcon@gmail.com

giovedì 21 aprile 2016

PRESIDIO ALL'ARPA DI OLGIATE OLONA

Sabato 23/4 saremo davanti alla sede ARPA di Olgiate Olona in via Greppi 24
dalle ore 10.00



di seguito il testo del volantino che sarà distribuito in questi giorni


LA PROROGA DELLA PROROGA DELLA DEROGA
UNA STORIA CHE DURA DA ANNI E CHE CREA DANNI

Il ventisette di questo mese il T.A.R. si pronuncerà sulla questione della puzza delle aldeidi della Perstorp. O almeno dovrebbe farlo, perché in realtà voci di corridoio danno per quasi sicuro l'ennesimo rinvio su questa decisione. Il motivo? L'A.R.P.A. ha chiesto ancora del tempo per svolgere ulteriori indagini a riguardo.
Infatti lo scorso novembre, lo stesso tribunale amministrativo aveva stabilito che fossero necessarie delle indagini sulla provenienza delle puzze dell'Olona (come se il problema fosse solo la puzza), in accordo tra Perstorp (una delle aziende che ha l'autorizzazione a scaricare sostanze inquinanti in deroga ai limiti di legge) Provincia di Varese ed A.R.P.A.
Sì, capito bene: la stessa azienda inquinatrice si mette d'accordo con l'ente che avrebbe il compito di  monitorare la situazione, su quando e come fare le analisi.
Ma la situazione paradossale non è solo questa: facendo un passo indietro e focalizzandoci sugli aspetti generali di questa situazione è evidente come tutto quanto sia contraddittorio, fin dalle premesse. Il meccanismo è chiaro: le aziende per risparmiare sui costi di depurazione chiedono l'autorizzazione alla Provincia per scaricare oltre i limiti stabiliti, in modo da avere maggiori profitti.
Il problema è che questo dovrebbe essere uno strumento temporaneo per rimettere in sesto gli impianti di depurazione interni alle aziende, mentre questo gioco permette di scaricare il tutto ai depuratori consortili (che non sono adatti a ricevere quel tipo di prodotti e sono comunque già al collasso di per sé) , così a rimetterci è la collettività e la vivibilità dei territori.
I soldi destinati all'Olona vengono per lo più utilizzati per il rifacimento delle sponde o per la creazione di vasche di laminazione, in modo da poter costruire e cementificare sempre più vicino all'argine. Sempre affari, sempre per poche persone e a danno di tutti.
Tornando alla situazione delle deroghe, noi dell'Assemblea Popolare No Elcon denunciamo pubblicamente questo scempio da anni. Oggi la nostra presenza qui davanti alla sede A.R.P.A. di Olgiate Olona è per evidenziare come anche e soprattutto questo ente sia responsabile dello stato pietoso del fiume, essendo l'organo di controllo che è prono ai voleri di aziende ed istituzioni.

In questi giorni l'Olona è tornato a presentare schiume e tracce tangibili di inquinamento.
Ora partirà il solito teatrino degli scarichi “abusivi”, additando unicamente a questi la responsabilità dello stato del fiume. Non è così. Non neghiamo certo l'esistenza di qualche scarico abusivo lungo tutto il corso del fiume, ma essi non devono fungere da capri espiatori per i veri responsabili: gli scarichi ben conosciuti da tutti e a cui sono concesse le suddette deroghe.

L'unico modo per porre fine a questa situazione è organizzarci insieme, ampliare sempre più la mobilitazione per poter fermare questo sistema affaristico che danneggia la vivibilità dei nostri territori e la nostra salute.

Ci ritroviamo ogni mercoledì intorno alle 21,30 al Circolo Rurale Buon Gesù, in via Sempione a Olgiate Olona per discutere insieme delle iniziative di mobilitazione.


L'ARPA NON E' UNO STRUMENTO MUSICALE MA UN'ORGANIZZAZIONE CRIMINALE

mercoledì 16 marzo 2016

TUTTONATURA 2016

Domenica 20 saremo presenti al Tuttonatura a Legnano 
Piazza Castello 

con il gazebo, con gli striscioni, con i volantini

per coinvolgere e tenere informata la popolazione su quanto sta accadendo sul tema "bonifica del Polo chimico"

in attesa dei documenti (pubblici) relativi ai dati dell'inquinamento della falda che stiamo aspettando dal comune di Castellanza 

 in vista dell'udienza del TAR ad Aprile per la deroga alla Perstorp  

per continuare insieme alla popolazione questo percorso di lotta, per impedire l'ennesimo scempio di quell'area e di questo territorio

ci vediamo domenica! 


mail: assembleanoelcon@gmail.com

ogni mercoledì ci ritroviamo al Circolo Rurale Buon Gesù di Olgiate Olona in via Sempione 58 

martedì 9 febbraio 2016

COMUNICATO IN OCCASIONE DELL'INCONTRO A OLGIATE OLONA

NESSUN COMPROMESSO: BONIFICA TOTALE


Questa mattina, 6 febbraio 2016, siamo presenti ad un incontro convocato dal comune di Olgiate Olona riguardo la situazione del Polo Chimico insediamento ex Montedison.

Questo in previsione della conferenza dei servizi di mercoledì 10 in Regione Lombardia, nella quale si discuterà della "approvazione del progetto Chemisol e delle altre 4 società proprietarie sulla messa in sicurezza della matrice suolo dell'ex polo chimico”.
In pratica è la stessa operazione fatta nel 2009 coi "7 pozzi barriera" per non bonificare l'avvelenamento delle falde,solo che in questo caso si parla del suolo e del sottosuolo, appestati da ogni sorta di veleno (arsenico formaldeidi ecc. ecc.).

Se la Conferenza dei Servizi approvasse questo progetto di messa in sicurezza, Chemisol e C. saranno esentate da ogni obbligo di bonifica.
Da ciò la protesta del Comune di Olgiate che sperava in una finta bonifica per varare i noti piani speculativi sull'area Olgiatese!!

Noi abbiamo un concetto differente di bonifica: noi intendiamo quella fino in profondità, per rimediare ai danni che hanno causato le industrie di morte che si sono susseguite su quei terreni.

Non vogliamo finire come la popolazione di Bussi, ancor meno vogliamo una “bonifica” come quella del quartiere Santa Giulia a Milano. Proprio da quest'ultimo esempio dobbiamo prendere spunto: lì su un polo chimico ex Montedison, bonificando a modo loro, hanno costruito un intero quartiere su tonnellate e tonnellate di veleni. Le stesse proposte sono state fatte per quanto riguarda Olgiate e Castellanza e sono in procinto di essere discusse.
In questo modo non solo si bonificherà solo superficialmente (forse, magari neanche quello) il terreno in questione, ma ci regaleranno altre tonnellate di cemento e speculazione edilizia. Le tasche dei soliti palazzinari ringraziano, la nostra salute in modo sarcastico anche.

È forse un caso che nella nostra zona le percentuali di malattie tumorali siano molto, troppo più alte rispetto alla media?

Sono anni che attraverso assemblee pubbliche, presidi e cortei continuiamo a denunciare tutto questo schifo pubblicamente, ma adesso è arrivato il momento della presa di coscienza da parte di tutti e tutte coloro che vivono in questa zona, in modo che anche qui non si ripeta l'ennesimo disastro ambientale.

Per discuterne insieme e creare una mobilitazione sempre più ampia che spazzi via questa risma di affaristi e speculatori, vi invitiamo a partecipare alle assemblee del mercoledì per preparare insieme un percorso comune di lotta sempre più efficace.

Per la bonifica totale del polo chimico
Per non morire avvelenati a causa dei loro affari.



Assemblea Popolare No Elcon



CONTATTI:
Blog: assembleanoelcon.blogspot.it

Mail: assembleanoelcon@gmail.com

venerdì 5 febbraio 2016

PROSSIMI APPUNTAMENTI

abbiamo ricevuto l'invito da parte del comune di Olgiate Olona di partecipare sabato 6 febbraio a una riunione insieme a tutta la giunta di Castellanza e al riesumato comitato ValleOlona (re)spira. 

tema della riunione è trovare una "linea comune" per andare in Regione Lombardia il 10 febbraio alla conferenza dei servizi il cui tema è l'approvazione dei progetti di messa in sicurezza di alcune aree dell'ex polo chimico. 

noi ci saremo domani 



Sabato 6 febbraio alle ore 10.30 presso il comune di Olgiate Olona


 e saremo presenti anche in regione lombardia mercoledì 10 febbraio. 





non abbassiamo la guardia, perché l'ultima cosa che vogliono fare è bonificare