giovedì 21 aprile 2016

PRESIDIO ALL'ARPA DI OLGIATE OLONA

Sabato 23/4 saremo davanti alla sede ARPA di Olgiate Olona in via Greppi 24
dalle ore 10.00



di seguito il testo del volantino che sarà distribuito in questi giorni


LA PROROGA DELLA PROROGA DELLA DEROGA
UNA STORIA CHE DURA DA ANNI E CHE CREA DANNI

Il ventisette di questo mese il T.A.R. si pronuncerà sulla questione della puzza delle aldeidi della Perstorp. O almeno dovrebbe farlo, perché in realtà voci di corridoio danno per quasi sicuro l'ennesimo rinvio su questa decisione. Il motivo? L'A.R.P.A. ha chiesto ancora del tempo per svolgere ulteriori indagini a riguardo.
Infatti lo scorso novembre, lo stesso tribunale amministrativo aveva stabilito che fossero necessarie delle indagini sulla provenienza delle puzze dell'Olona (come se il problema fosse solo la puzza), in accordo tra Perstorp (una delle aziende che ha l'autorizzazione a scaricare sostanze inquinanti in deroga ai limiti di legge) Provincia di Varese ed A.R.P.A.
Sì, capito bene: la stessa azienda inquinatrice si mette d'accordo con l'ente che avrebbe il compito di  monitorare la situazione, su quando e come fare le analisi.
Ma la situazione paradossale non è solo questa: facendo un passo indietro e focalizzandoci sugli aspetti generali di questa situazione è evidente come tutto quanto sia contraddittorio, fin dalle premesse. Il meccanismo è chiaro: le aziende per risparmiare sui costi di depurazione chiedono l'autorizzazione alla Provincia per scaricare oltre i limiti stabiliti, in modo da avere maggiori profitti.
Il problema è che questo dovrebbe essere uno strumento temporaneo per rimettere in sesto gli impianti di depurazione interni alle aziende, mentre questo gioco permette di scaricare il tutto ai depuratori consortili (che non sono adatti a ricevere quel tipo di prodotti e sono comunque già al collasso di per sé) , così a rimetterci è la collettività e la vivibilità dei territori.
I soldi destinati all'Olona vengono per lo più utilizzati per il rifacimento delle sponde o per la creazione di vasche di laminazione, in modo da poter costruire e cementificare sempre più vicino all'argine. Sempre affari, sempre per poche persone e a danno di tutti.
Tornando alla situazione delle deroghe, noi dell'Assemblea Popolare No Elcon denunciamo pubblicamente questo scempio da anni. Oggi la nostra presenza qui davanti alla sede A.R.P.A. di Olgiate Olona è per evidenziare come anche e soprattutto questo ente sia responsabile dello stato pietoso del fiume, essendo l'organo di controllo che è prono ai voleri di aziende ed istituzioni.

In questi giorni l'Olona è tornato a presentare schiume e tracce tangibili di inquinamento.
Ora partirà il solito teatrino degli scarichi “abusivi”, additando unicamente a questi la responsabilità dello stato del fiume. Non è così. Non neghiamo certo l'esistenza di qualche scarico abusivo lungo tutto il corso del fiume, ma essi non devono fungere da capri espiatori per i veri responsabili: gli scarichi ben conosciuti da tutti e a cui sono concesse le suddette deroghe.

L'unico modo per porre fine a questa situazione è organizzarci insieme, ampliare sempre più la mobilitazione per poter fermare questo sistema affaristico che danneggia la vivibilità dei nostri territori e la nostra salute.

Ci ritroviamo ogni mercoledì intorno alle 21,30 al Circolo Rurale Buon Gesù, in via Sempione a Olgiate Olona per discutere insieme delle iniziative di mobilitazione.


L'ARPA NON E' UNO STRUMENTO MUSICALE MA UN'ORGANIZZAZIONE CRIMINALE

mercoledì 16 marzo 2016

TUTTONATURA 2016

Domenica 20 saremo presenti al Tuttonatura a Legnano 
Piazza Castello 

con il gazebo, con gli striscioni, con i volantini

per coinvolgere e tenere informata la popolazione su quanto sta accadendo sul tema "bonifica del Polo chimico"

in attesa dei documenti (pubblici) relativi ai dati dell'inquinamento della falda che stiamo aspettando dal comune di Castellanza 

 in vista dell'udienza del TAR ad Aprile per la deroga alla Perstorp  

per continuare insieme alla popolazione questo percorso di lotta, per impedire l'ennesimo scempio di quell'area e di questo territorio

ci vediamo domenica! 


mail: assembleanoelcon@gmail.com

ogni mercoledì ci ritroviamo al Circolo Rurale Buon Gesù di Olgiate Olona in via Sempione 58 

martedì 9 febbraio 2016

COMUNICATO IN OCCASIONE DELL'INCONTRO A OLGIATE OLONA

NESSUN COMPROMESSO: BONIFICA TOTALE


Questa mattina, 6 febbraio 2016, siamo presenti ad un incontro convocato dal comune di Olgiate Olona riguardo la situazione del Polo Chimico insediamento ex Montedison.

Questo in previsione della conferenza dei servizi di mercoledì 10 in Regione Lombardia, nella quale si discuterà della "approvazione del progetto Chemisol e delle altre 4 società proprietarie sulla messa in sicurezza della matrice suolo dell'ex polo chimico”.
In pratica è la stessa operazione fatta nel 2009 coi "7 pozzi barriera" per non bonificare l'avvelenamento delle falde,solo che in questo caso si parla del suolo e del sottosuolo, appestati da ogni sorta di veleno (arsenico formaldeidi ecc. ecc.).

Se la Conferenza dei Servizi approvasse questo progetto di messa in sicurezza, Chemisol e C. saranno esentate da ogni obbligo di bonifica.
Da ciò la protesta del Comune di Olgiate che sperava in una finta bonifica per varare i noti piani speculativi sull'area Olgiatese!!

Noi abbiamo un concetto differente di bonifica: noi intendiamo quella fino in profondità, per rimediare ai danni che hanno causato le industrie di morte che si sono susseguite su quei terreni.

Non vogliamo finire come la popolazione di Bussi, ancor meno vogliamo una “bonifica” come quella del quartiere Santa Giulia a Milano. Proprio da quest'ultimo esempio dobbiamo prendere spunto: lì su un polo chimico ex Montedison, bonificando a modo loro, hanno costruito un intero quartiere su tonnellate e tonnellate di veleni. Le stesse proposte sono state fatte per quanto riguarda Olgiate e Castellanza e sono in procinto di essere discusse.
In questo modo non solo si bonificherà solo superficialmente (forse, magari neanche quello) il terreno in questione, ma ci regaleranno altre tonnellate di cemento e speculazione edilizia. Le tasche dei soliti palazzinari ringraziano, la nostra salute in modo sarcastico anche.

È forse un caso che nella nostra zona le percentuali di malattie tumorali siano molto, troppo più alte rispetto alla media?

Sono anni che attraverso assemblee pubbliche, presidi e cortei continuiamo a denunciare tutto questo schifo pubblicamente, ma adesso è arrivato il momento della presa di coscienza da parte di tutti e tutte coloro che vivono in questa zona, in modo che anche qui non si ripeta l'ennesimo disastro ambientale.

Per discuterne insieme e creare una mobilitazione sempre più ampia che spazzi via questa risma di affaristi e speculatori, vi invitiamo a partecipare alle assemblee del mercoledì per preparare insieme un percorso comune di lotta sempre più efficace.

Per la bonifica totale del polo chimico
Per non morire avvelenati a causa dei loro affari.



Assemblea Popolare No Elcon



CONTATTI:
Blog: assembleanoelcon.blogspot.it

Mail: assembleanoelcon@gmail.com

venerdì 5 febbraio 2016

PROSSIMI APPUNTAMENTI

abbiamo ricevuto l'invito da parte del comune di Olgiate Olona di partecipare sabato 6 febbraio a una riunione insieme a tutta la giunta di Castellanza e al riesumato comitato ValleOlona (re)spira. 

tema della riunione è trovare una "linea comune" per andare in Regione Lombardia il 10 febbraio alla conferenza dei servizi il cui tema è l'approvazione dei progetti di messa in sicurezza di alcune aree dell'ex polo chimico. 

noi ci saremo domani 



Sabato 6 febbraio alle ore 10.30 presso il comune di Olgiate Olona


 e saremo presenti anche in regione lombardia mercoledì 10 febbraio. 





non abbassiamo la guardia, perché l'ultima cosa che vogliono fare è bonificare

giovedì 17 dicembre 2015

Comune di Marnate, Polizia Locale e Polizia Giudiziaria lanciano un ricatto intimidatorio e terrorizzante contro l’Assemblea Popolare No-Elcon per la sua ferma battaglia contro gli scarichi industriali in deroga. Il Movimento 5 Stelle di Marnate nel nome della falsa “legalità” del potere dà la sua copertura all’operazione


Lunedì primo dicembre, mentre siamo mobilitati al Comune di Olgiate dove è in discussione il progetto Chemisol (di speculare e fare affari nel polo chimico dopo averlo impestato fino a oltre cento metri di profondità di ogni sorta di veleno e senza fare alcuna bonifica), veniamo a conoscenza del messaggio appena inviato dalla consigliera del gruppo 5 stelle di Marnate che contemporaneamente a Marnate sarebbe stata in discussione al punto 12 una mozione dei consiglieri di maggioranza avente ad oggetto la “Condanna degli autori di affissioni abusive di volantini e di imbrattamento degli edifici comunali pubblicizzanti manifestazioni”, per cui mandiamo una piccola delegazione ad assistervi. 
Alla presenza di 4-5 familiari o amici dei consiglieri alle ore 22,30 circa si apre il dibattito sulla “mozione”. La mozione protocollata in datata 23/11 partendo da una affermazione ipocrita e falsa (L’Amministrazione Comunale promuove ed appoggia tutte le iniziative che hanno come scopo la salvaguardia dell’ambiente) si scaglia contro i manifesti da noi affissi per la manifestazione del 7 affermando che “nella serata tra il primo e due di novembre alcuni beni pubblici e privati sono stati barbaramente imbrattati da ignoti con volantini... riguardanti un corteo contro gli scarichi in deroga, al fine di salvare il fiume Olona” e invitando chi di dovere a prendere misure anche di carattere penale, chiede al Consiglio Comunale di “esprimere la propria formale condanna verso qualsiasi atto vandalico o affissione impropria che provochi deturpamento di muri, vetrine, beni pubblici o privati. La mozione, dopo un allucinante dibattito con affermazioni false del sindaco Scazzosi tipo “il Comune di Marnate è l’unico che si è opposto agli scarichi in deroga della Perstorp” e insultanti dell’assessore fascio-leghista all’ambiente contro i “mascalzoni e delinquenti dei centri sociali”, veniva approvata all’unanimità.
Alcuni giorni prima la Polizia Locale di Marnate spediva a un esponente dell’Assemblea un verbale di accertamento di violazione del codice della strada per l’affissione dei manifesti con una sanzione di 422,00 € accompagnato da un “obbligo di rimozione dei manifesti/cartelli pubblicitari” pena una sanzione da 4.734,00 a 18.935,00 €. 
Il Sindaco a conoscenza di tutto nulla comunicava al Consiglio Comunale.
Comune di Marnate e Polizia Giudiziaria con questi “atti” puntano a impedire a chiunque l’affissione di qualsiasi manifesto che non sia prone al potere e punire e colpire col ricatto economico di pesanti sanzioni chi “viola” il loro ordine costituito.
Mercoledì 3 sera la consigliera Spirito, ricevuto un messaggio di “ringraziamento” per aver votato a favore della mozione e contro di noi, si presentava in assemblea e specificava di averlo fatto perché ritiene un “atto vandalico” l’affissione fuori degli spazi autorizzati di qualsiasi manifesto, consenziente l’intero gruppo dei 5 Stelle di Marnate. La consigliera, anche se criticata aspramente, non è stata cacciata come si sarebbe dovuto fare.
Sul punto nulla abbiamo da aggiungere se non che per noi “ogni affissione che non sia al servizio del potere e dei potenti è legittima e può essere fatta solo come l’abbiamo fatta; e non necessita di alcuna autorizzazione in quanto espressione della libertà di manifestazione e di pensiero che non può essere limitata o proibita da nessuno (art. 21 della Costituzione)”. 

“Vandali” sono chi devasta distrugge, anche se in deroga, il territorio e la vita dei cittadini solo per fare affari!

La barzelletta che l’Amministrazione Comunale di Marnate sarebbe contro gli scarichi in deroga

A questo fatto specifico si collega la copertura dei responsabili degli scarichi in deroga da parte della consigliera Spirito, con l’avvallo della barzelletta che la “nuova” Amministrazione comunale di Marnate è contro le deroghe agli scarichi della Perstorp. 
È completamente falso, come sono false le affermazioni in merito del Sindaco dei suoi assessori e consiglieri! Ecco i documenti che abbiamo già fatto circolare, e che abbiamo cercato, invano, di far capire alla consigliera. Nella Conferenza dei servizi del 16 aprile 2015 in provincia, 
il Comune di Marnate si pronuncia SOLO contro il rinnovo della deroga sulle aldeidi. Si dichiara favorevole a tutte le altre che riguardano gli scarichi di BOD5, COD, Solfati.
Infatti la “Determinazione della Conferenza” (pag. 6 del verbale) così recita:
“La Conferenza dei Servizi prende atto di quanto emerso nell’odierna seduta, del parere della Provincia di Varese, del Comune di Castellanza, del Comune di Olgiate Olona, del Comune di Marnate e dell’Ufficio d’Ambito della Provincia di Varese, delle valutazioni tecniche in merito al piano di monitoraggio e controllo dell’ARPA, di Società per la Tutela Ambientale del Bacino del Fiume Olona  di Prealpi Servizi, esprime parere favorevole relativamente al rinnovo dell’Autorizzazione Integrata Ambientale al complesso della Perstorp SPA... a condizione che dal 31.05.2015 (data alla quale secondo il provvedimento autorizzativo attualmente in essere devono essere sospese le produzioni di Bis-MPA) sia revocata la deroga per il parametro aldeidi e secondo i contenuti dell’allegato tecnico approvato in data odierna in via definitiva. La Conferenza pertanto mandato alla Provincia di Varese di predisporre il provvedi- mento autorizzativo ed il relativo allegato tecnico che costituirà parte integrante e sostanziale dell’atto stesso.

Decisione che viene così tradotta nell’atto di rinnovo dell’AIA n. 945 a pag. 43:
“La Perstorp SpA dovrà assicurare il rispetto dei liniti di cui alla tabella 3 dell’Allegato 5 alla parte terza del d.lgs.
152/06 - colonna scarico in rete fognaria con le seguenti deroghe: 
-BOD5 2.700 mg/l; 
-COD 5.000 mg/l
- Solfati 3.000 mg/l
- Aldeidi 70 mgl massima e 60 mg/l giornaliera valida quest’ultima fino al 31/05/2015. Anche se coi vari provvedimenti del TAR Lombardia almeno fino ad aprile 2016 le aldeidi continueranno ad impestare l’Olona e la popolazione della zona!!

Di seguito riportiamo il confronto tra limiti di legge e deroghe per capire di che si parla e delle tonnellate di veleno che ogni giorno finiscono nell’Olona.


Parametro
Limite Perstorp
Limite di emissione in fognatura                                          Incremento%


(Tabella 3 , All.5 D.Lgs 152/06)
4 - ODORE

Non deve essere causa di molestie
7 - BOD5
8 - COD
2700 mg/l
5000 mg/l
≤ 250 mg/l
≤ 500 mg/l
+ 980%
+ 900%
29 - Solfati (SO4)
3000 mg/l
≤ 1000 mg/l
+ 200%

Queste tonnellate di veleni che la Perstorp sversa quotidianamente nell’Olona per il gruppo 5 Stelle di Marnate, il Sindaco, l’Amministrazione intera, sono forse meno velenosi dei 130 chili giornalieri di aldeidi solo perché puzzano meno anche se distruggono di più?
Dando credito alla barzelletta si copre il fatto indiscutibile che il sindaco Scazzosi ha autorizzato tutte le deroghe all’epoca della precedente amministrazione Cerana di cui ne faceva parte come assessore, aldeidi comprese. Non solo. 
Ha avvallato coi Comuni di Olgiate e Castellanza la chiusura del depuratore interno alla Perstorp per sversare gli scarichi industriali in fognatura e quindi nel depuratore consortile avvallando l’operazione, proibita tassativamente dalla legge, di diluizione degli scarichi altrimenti illegali.
Noi abbiamo ripetutamente denunciato questo modo truffaldino oltre che illegale di avvelenare l’Olona e il territorio collegandolo all’operazione gestita dalla Provincia di far fare soldi ai vari enti con gli scarichi e gli avvelenamenti, che d’un tratto diventavano “legali” solo perché autorizzati e “profumatamente” pagati. 
Come mai il silenzio tombale su questi fatti da parte del gruppo di Marnate 5 Stelle? È questa per loro la “difesa della legalità”?

La complicità del TAR Lombardia a tutelare i criminali che appestano vita e ambiente solo per non ostacolare gli sporchi profitti

Stesso silenzio da parte di tutti (stampa compresa) anche sull’operazione in atto sulla “ricerca delle cause degli odori molesti sprigionati dall’Olona” da parte dell’ARPA Varese su richiesta del TAR, che è un vero raggiro in quanto ripetuti tavoli tecnici provinciali hanno sempre sostenuto che l’origine sono le aldeidi della Persorp, come sostenuto da ARPA stessa e da Prealpi Servizi che gestisce il depuratore di Olgiate, ma che è finalizzata alla vera operazione diretta dal TAR di spingere a un accordo tra Provincia e Perstorp su nuovi limiti consentiti di deroga allo sversamento di aldeidi superando così i motivi a base del ricorso. Anche su questo fatto in corso perché il silenzio tombale del gruppo 5 Stelle di Marnate? Manco una mozione, un ordine del giorno, una interrogazione alla amministrazione comunale o una informativa ai cittadini?
Sul punto invitiamo tutti a rileggersi le nostre “Osservazioni al rinnovo AIA della Perstorp” da noi presentate in Provincia più di un anno fa e incentrate essenzialmente sulla denuncia della pratica illegale delle deroghe permanenti e sulle cause degli “odori molesti” nel fiume Olona e in tutto il territorio. Leggersi in particolare le pagine 11 e 12 in materia. Raccomandiamo in particolare la lettura ai “Giudici” del TAR, al Sindaco di Marnate, al Consiglio comunale, consigliere Spirito compresa.

Impedire ad ogni costo l’acquisizione dei documenti pubblici per coprire i veri responsabili di chi fa fare e fa affari con gli scarichi in deroga

Infine una parola va detta sulla reperibilità dei documenti riguardo la materia: deroghe, rinnovi AIA, bonifica ecc. (che ribadiamo sono pubblici). La provincia ripetutamente con varie motivazioni ci ha impedito l’accesso agli atti. Per opporci avremmo dovuto ricorrere al TAR. Come mai nessuna mano è mai venuta dalla consigliera comunale e ne- anche per i documenti in possesso della sua amministrazione come il procedimento in corso al TAR? 

Far conoscere per decidere, far conoscere per denunciare, far conoscere per informare rendendo pubblico ogni atto delle amministrazioni a ogni livello: è stato questo e sempre lo sarà il nostro modo di “controllare” l’operato dei poteri locali provinciali regionali nazionali, consentendo alla popolazione di avere l’unica informazione corretta per poter decidere e con chi stare.

PER APPROFONDIRE:
-Mozione presentata al Consiglio Comunale di Marnate
-Sanzioni Polizia Locale Marnate
-Pagine 5 e 6 della Conferenza dei Servizi del 16/04/2015
-Pagina 43 del rinnovo da parte della provincia dell'AIA Perstorp
-Le "Osservazioni contro le deroghe" presentate dall'Assemblea popolare No Elcon un anno fa


e-mail: assembleanoelcon@gmail.com